Watchout – settimana del 29/05/2017

Alessio Marchetti BCE, Brasile, inflazione, news, QE 0 Comments

Lunedì 29 maggio

BCE – Draghi parteciperà all’udienza trimestrale a Bruxelles di fronte la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo. Non sono previste dichiarazioni fondamentali per la direzione della politica monetaria che rimane espansiva per tutto il resto del 2017, anche se i mercati stanno sempre più apertamente parlando di riduzione del programma di quantitative easing.

Martedì 30 maggio

Francia – Stime preliminari del Pil trimestrale e annuale. L’ultimo dato riportava una modesta espansione, rispettivamente, dello 0,3% e dello 0,8%. Qui il risultato delle elezioni sicuramente non ha inciso ma i numeri

Istat – Prezzi della produzione nell’industria per Aprile. L’indice era rimasto invariato su base mensile nella rilevazione di marzo, mentre era aumentato su base annua del 3,1%. Come mostra il grafico, l’aggiustamento dei prezzi dei prodotti venduti sul mercato interno (linea grigia) è stato più marcato rispetto a quelli venduti all’estero, avendo questi ultimi beneficiato, almeno in parte, di un tasso di cambio dell’euro più favorevole. Verso la fine del 2016 la tendenza è stato però invertita: i prezzi interni sono su una traiettoria inflazionistica più elevata.

istat prezzi produzione industriale

fonte: istat

Svezia – Stime del Pil trimestrale e annuale. Il Paese è su una traiettoria di crescita sostenuta (+4,1% e 3,3% nel 2015 e 2016) che secondo le previsioni è destinata a diminuire nel prossimo biennio. La Commissione UE prevede un Pil a +2,6% per quest’anno e 2,2% l’anno prossimo. L’inflazione continua a essere sotto il livello target del 2% e per questo la politica monetaria rimane molto accomodante ma restano piuttosto elevati i timori di una bolla immobiliare, secondo l’OCSE

 

Germania – Stime preliminari dell’inflazione. Ormai l’inflazione tedesca ha praticamente raggiunto l’obiettivo di policy del 2%  – il consensus prevede 1,9% – ed è diventata il grimaldello con cui le autorità tedesche cercano di scassinare il programma di acquisti della BCE e la politica monetaria ultraccomodante.

 

Eurozona – Aggiornamento degli indici sulla fiducia dei consumatori, delle imprese, delle condizioni economiche e industriali. I valori sono erano in lieve ma costante aumento (ad eccezione del sentiment dei consumatori), mentre la disoccupazione è prevista stabile al 9,5%.

Mercoledì 31 maggio

Brasile – La banca centrale deve decidere il tasso di policy. A seguito del recente scandalo che ha coinvolto il Presidente Temer, gli analisti prevedono un taglio di ben 100 punti base del tasso SELIC per contrastare i riflessi dell’incertezza politica sull’economia.

Istat – Stima preliminare degli occupati e disoccupati per il mese di aprile. A marzo il numero di occupati è stato pressoché stabile rispetto a febbraio. Il trend annuale dei disoccupati invece mostra una leno riassorbimento della forza lavoro iniziato a fine 2016.

 

Istat stima degli occupati e disoccupati

Fonte: Istat

Istat – Stima provvisoria dei prezzi al consumo per maggio. Nel mese di aprile 2017, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, era aumentato dello 0,4% su base mensile e dell’1,9% su base annua.

Giovedì 1° giugno

Istat – Riassunto dei conti economici per il primo trimestre 2017. Come mostra la figura la dinamica continua a essere quella di una ripresa stabile ma piuttosto debole. Questi dati definitivi potranno influire sulle decisioni di bilancio in autunno dato che le previsioni di spesa si basano su un Pil a +1,0% (tutto attribuito alla domanda interna) nel 2017.

Pil trimestrale dell'Italia

Fonte: istat

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *