Alitalia – Le scommesse del mercato (sugli altri vettori)

Alessio Marchetti Alitalia, news 0 Comments

La storia dell’ex compagnia di bandiera si sta arricchendo di nuovi (travagliati) capitoli: dopo la bocciatura da parte dei lavoratori dell’accordo tra la compagnia e i sindacati il 24 aprile, che ha spianato la strada al commissariamento della società, il governo è intervenuto con un prestito ponte di 600 milioni di euro per mantenere l’operatività della struttura e dare tempo ai nuovi commissari – Gubitosi, Laghi e Paleari, scelti dal Ministero dello Sviluppo Economico – di vendere l’azienda.

L’obiettivo dei commissari è quello di vendere la società integra, evitando lo spezzatino che produrrebbe un taglio ancora più drastico dei posti di lavoro. E’ utile vedere come il mercato stia saggiando le possibili opzioni sul tavolo.

Equity

Il grafico mostra il  rendimento cumulato dei titoli di quattro tra le principali concorrenti di Alitalia: Ryanair, Lufthansa, Air France-KLM ed easyJet. L’area grigia comprende i giorni post-referendum: le due compagnie low-cost sono quelle che hanno ottenuto i guadagni maggiori, mentre le altre hanno fatto peggio. Da un lato il mercato sembra quindi scommettere che easyJet e Ryanair incrementeranno le proprie quote di traffico inglobando lo spazio lasciato libero da Alitalia; dall’altro lato sembra invece temere un coinvolgimento di Lufthansa o Air France nell’acquisto della società italiana.

Lufthansa in particolare ha smentito l’interesse nell’acquisto, essendo impegnati su altri fronti quali Brussels Airlines e Air Berlin.

Nelle ultime ore sta prendendo piede l’ipotesi dell’acquisizione da parte di Iag, la holding che controlla British Airways, Iberia, Aer Lingus, Vueling. Il titolo sta in effetti rispondendo bene:

Fonte: Financial Times

Nel complesso il mercato si situa comunque su un trend positivo da ottobre 2016 come mostra l’indice STOXX per il settore degli aerotrasporti.

Debito

Questo è il prezzo del bond Alitalia emesso nel 2015:

Non sembra esserci molto altro da aggiungere.

Al contrario i redimenti delle obbligazioni delle società concorrenti – Ryanair, Lufthansa, Air France-KLM – listate sul mercato italiano non mostrano grandi movimenti negli ultimi due mesi. Il rendimento dei tre bond Ryanair è aumentato di pochissimi punti base (5pb per i titoli XS1077584024 e XS1199964575; 9pb per il titolo XS1565699763) dal primo marzo a oggi.

Discorso simile ma di segno opposto per le obbligazioni Air France-KLM con ISIN FR0011965177FR0013212958, i cui rendimenti sono diminuiti di 20 punti base circa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *