Elezioni presidenziali francesi

Alessio Marchetti elezioni francesi, news, Uncategorized 5 Comments

Elezioni presidenziali francesi

Ormai ci siamo. Domenica 23 i francesi andranno alle urne per votare ma il mercato sta già piazzando le sue fiches da tempo. Sul fronte dei bond governativi, le scommesse stanno portando ad una divergenza dei rendimenti su titoli a media-lunga scadenza più significativa (circa 20 bp) rispetto a inizio anno, mentre nel breve termine il divario è estremamente ridotto, come avevamo già evidenziato qui, e come mostra il grafico dei rendimenti.

Se pensate che i filo-europeisti Macron e Fillon la spunteranno, le Obligations Assimilables du Trésor (Oat) potrebbero rivelarsi un affare non disprezzabile. I prezzi sono generalmente in costante calo da settembre 2016: per esempio un’Oat con scadenza maggio 2013 (ISIN FR0011486067) ora prezza intorno a 109, rispetto ai 113 di settembre. Se un candidato mainstream vincesse, si ritiene che lo spread con i Bund tedeschi a 10 anni possa scendere di 30 bp, determinando un apprezzamento dei titoli.

Comments 5

  1. vi ringrazio per l’apporto che riuscite a dare a chi intende avvicinarsi al mondo finanziario e quindi intende approfondire la conoscenza dei mercati e soprattutto per la chiarezza con cui vengono trattati argomenti di difficile comprensione per chi si affaccia da poco tempo su questi temi.

    1. Post
      Author
  2. L’articolo sull’andamento delle obbligazioni in Francia in relazione alle elezioni presidenziali mi fa ben sperare. Le mie obbligazioni forse miglioreranno l’andamento complessivo del fondo, cmq siamo sulla strada giusta.
    Condivido quanto affermato e credo che lo stesso potrà accadere con le elezioni in Germania, anzi sarebbe utile al riguardo, un Vostro parere. Grazie

    1. Post
      Author

      Caro Sandro, ci fa piacere che il tuo fondo migliori.
      Per quanto riguarda la Germania, è difficile che i rendimenti delle obbligazioni tedesche possano scendere più di così, è quindi opinione diffusa che nel corso del 2017 aumenteranno (ma non di molto) indipendentemente dal risultato elettorale. Risultato che, tra l’altro, non sembra contemplare un’affermazione significativa dei partiti euroscettici, stando ai sondaggi. Sarà comunque interessante monitorare la situazione.

  3. Pingback: Francia: dopo il dibattito il mercato si (ri)schiera - obbligazioni.io

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *